Home > PRESS & MEDIA > Innovazione

Il Centro Space Situational Awareness di Poggio Renatico sorveglia le traiettorie dei frammenti

Poggio Renatico, 24 novembre 2021

Il Centro Space Situational Awareness (C-SSA) dell’Aeronautica Militare, nella sua funzione di braccio operativo del Comando delle Operazioni Spaziali (COS) della Difesa nella funzione di monitoraggio,  sorveglianza e caratterizzazione degli oggetti spaziali, sta seguendo l’evoluzione dell’evento di frammentazione del satellite russo COSMOS 1408 avvenuto lo scorso 15 novembre. L’impatto ha creato una nuvola di frammenti spaziali di piccole dimensioni, che nella loro permanenza nello spazio - seppure non vi siano rischi che possano cadere sulla superficie terrestre - potrebbero interessare le orbite di altri satelliti, inclusi alcuni satelliti italiani.

In ambito europeo, insieme a Spagna e Francia che hanno contribuito con delle misurazioni effettuate attraverso propri sensori radar, l’Italia ha fornito misurazioni degli oggetti tramite l’antenna ricevente BIRALES dell’INAF, che ha captato i segnali dei detriti illuminati tramite un radar della Difesa situato presso il Poligono Sperimentale e di Addestramento Interforze di Salto di Quirra (PISQ) ed operato da militari del Poligono e da personale della Vitrociset e GM Spazio. Si tratta di una capacità nazionale sviluppata a partire dal 2014 grazie alle sinergie fra diverse Istituzioni, pubbliche e private, ed il mondo dell’università, e che in particolare ha visto collaborare in modo stabile il Gruppo Ingegneria dell’Aerospazio (GIAS) del Reparto Sperimentale Volo (RSV) dell’Aeronautica Militare con ricercatori del Politecnico di Milano.