Home > PRESS & MEDIA > News

"La Piattaforma Logistica Nazionale nuovo modello per tutto il settore"

Aprile 2021

Il futuro passa dalla Digital Transformation, così il settore dei trasporti in Italia può diventare un’eccellenza: “La piattaforma Logistica nazionale dovrà rappresentare un modello trasformazione digitale per tutto il settore, facendo leva su attività a breve-medio termine”, spiega Paolo Solferino, Amministratore Delegato di Vitrociset, realtà di primissimo piano che fa parte del Gruppo Leonardo. 

Chi è Vitrociset? E cosa fa? 
“La nostra Azienda fornisce servizi e soluzioni specialistiche per sistemi complessi nei settori Difesa, Logistica e Trasporti, sfruttando le tecnologie all’avanguardia in ambito ICT, sicurezza, e simulazione. All’interno del Gruppo Leonardo, di cui facciamo parte, siamo l’azienda che si occupa di Smart Logistics. Rispondiamo alle più specifiche esigenze dei nostri Clienti, creando valore e garantendo compatibilità operativa e la necessaria flessibilità per essere a prova di futuro”.
 
Le attività di Vitrociset nel settore dei trasporti ?
“Nel settore dei trasporti siamo impegnati attivamente nel processo di digital transformation, promosso a livello nazionale e comunitario, e offriamo servizi e soluzioni per il supporto operativo e per la sicurezza dei trasporti marittimo portuali e intermodali, conoscendo le necessità operative, amministrative ed autorizzative dei soggetti pubblici e privati coinvolti.
Sfruttando la sinergia con le capacità e le esperienze del Gruppo di cui siamo parte, abbiamo sviluppato sistemi per il mondo dei trasporti e sistemi di sicurezza, sia in ambito nazionale che internazionale, e abbiamo risorse, esperienza e know-how in questo settore, sia nel campo dei processi operativi che in quello della safety e security.  In questo momento siamo direttamente coinvolti, come punto di riferimento all’interno di Leonardo, per le iniziative di digitalizzazione nel settore trasporti, che auspichiamo siano previste nel Next Gen EU a supporto del Sistema Paese.”
 
Come si concretizza la trasformazione digitale in un settore complesso ed eterogeneo come quello dei trasporti?
“Velocizzare e semplificare le procedure operative, uniformando il trasferimento di dati tra operatori privati e tra questi e quelli pubblici attraverso la progettazione e sviluppo di sistemi per lo scambio digitale sicuro delle informazioni. Digital Transformation non significa solo innovazione tecnologica, ma soprattutto è la gestione dei dati al fine di mitigare i colli di bottiglia durante le operazioni, ma anche l’assistenza agli operatori nel processo di digitalizzazione in termini di formazione, training on-the job e servizi di supporto operativo. 
Inoltre, grazie all’enorme patrimonio informativo generato, la Digital Transformation nel settore dei trasporti può anche generare una grande opportunità in termini di sicurezza, mobilità e ambiente portando valore anche al territorio”.
Quindi la digitalizzazione non è solo una questione di innovazione tecnologica
“La nostra esperienza nella fornitura di servizi specializzati in settori altamente critici per il Paese, così come le indicazioni fornite recentemente da CONFETRA sulla numerosità ed eterogeneità dei soggetti che intervengono nei processi operativi e amministrativi del trasporto, ci dicono che l’innovazione tecnologica è un tassello necessario ma non sufficiente per una concreta trasformazione.
Dobbiamo procedere con il coinvolgimento degli operatori pubblici e privati, nei diversi processi e nelle scelte, condividendo le esigenze e le aspettative di settore; con il consenso e con la collaborazione nella progettualità e nell’implementazione di soluzioni che siano tanto innovative quanto efficaci per tutti”.
 
Finalmente sembra partire il processo di trasformazione digitale della logistica italiana con la piattaforma di logistica nazionale. cosa ne pensa?
“Dopo le difficoltà intercorse negli ultimi anni tutti auspichiamo un imminente nuovo inizio, basato su poche azioni, chiare e concrete, che diano un segnale al mercato e agli operatori. La piattaforma Logistica nazionale dovrà rappresentare un modello di Digital Transformation per tutto il settore, facendo leva su attività a breve-medio termine. Pensiamo, ad esempio, di dover massimizzare il riuso degli asset esistenti anche con il coinvolgimento delle Aziende attualmente coinvolte e completare le funzionalità delle piattaforme con la condivisione e collaborazione degli operatori pubblici (come le AdSP) e privati. E ci potremmo riuscire progettando dal principio un’infrastruttura tecnologica flessibile che supporti una governance delle piattaforme agile e distribuita verso i nodi logistici”.
 
Scarica l'articolo