Home > PRESS & MEDIA > News

Vitrociset si è aggiudicata la gara ITER per “Diagnostic Infrastructure Development and Engineering Services”

Le attività nell’ambito della divisione Diagnostics di ITER, sono partite nel 2016 con la firma di un primo contratto quadro, nel quale Vitrociset è leader di un consorzio che vede la partecipazione dei più importanti istituti di ricerca italiani (CNR, ENEA). Il contratto attuale andrà avanti fino al 2022 e le attività sono svolte in larghissima parte da personale Vitrociset, grazie a un team internazionale di oltre 20 persone, composto da fisici e ingegneri, che crescerà ulteriormente per le attività che saranno oggetto del nuovo contratto.

A loro si aggiunge il personale Vitrociset impegnato nei sistemi di controllo, sia presso ITER (aggiudicazione nello scorso mese di ottobre di un nuovo contratto fino al 2025) sia presso l’agenzia europea di supporto allo sviluppo del programma: Fusion For Energy, che ha sede in Spagna a Barcellona.

In totale sono oltre 30 persone, che lavorano presso le due branch (Francia e Spagna) e presso la sede di Roma. Tutti impegnati al 100% nelle attività Big Science, consentendo a Vitrociset di crescere e consolidare la sua presenza in questo settore di importanza strategica.

Oggi il programma ITER ha ricevuto finanziamenti per oltre 20 miliardi di euro e l‘obiettivo è l’accensione del cosiddetto primo plasma nel 2025.

Vitrociset, grazie anche all’aggiudicazione dei due recenti contratti, ha prenotato un posto in prima fila per supportare lo sviluppo delle attività e arrivare a questo importante traguardo, che rappresenta una sfida mondiale per realizzare un nuovo impianto di produzione energia, basato su fonti rinnovabili, che possa garantire sicurezza e affidabilità.