Home > PRESS & MEDIA > Comunicati Stampa

INPS, MAECI e ANAS verso l’Unified Communication & Collaboration di Vitrociset

Roma, 5 aprile 2018. Nell'ambito dell’Accordo Quadro Consip CT7 per la fornitura, messa in opera e manutenzione di centrali telefoniche evolute e di prodotti e servizi connessi. Vitrociset, azienda italiana leader nella fornitura di servizi tecnologici ICT per l’efficienza e l’ammodernamento della Pubblica Amministrazione, fornirà all’INPS - Istituto Nazionale della Previdenza Sociale, al Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale, all’ANAS in Puglia e a diversi Comuni leinfrastrutture fonia basate sulla nuova tecnologia Wildix. Si tratta di circa 7.5 milioni di euro su 4 anni per 45.000 utenti totali.

Vitrociset si occuperà della completa migrazione della tradizionale infrastruttura telefonica sulla nuova ed innovativa infrastruttura tecnologica Wildix. La nuova infrastruttura prevede una soluzione integrata Wildix di Sistemi Telefonici e Unified Communication & Collaboration  tale da permettere agli utenti di gestire telefonate, click to call, presence, chat, videocomunicazione, screen sharing, voice e fax mail, rubrica condivisa, storico chiamate, e altro in maniera integrata tramite Smartphone (Android e IOS), Tablet, PC e telefono fisso, il tutto attraverso un unico numero telefonico.

La semplicità dell’utilizzo dell’applicazione offerta da Vitrociset, l’interfaccia utente web based e l’elevata sicurezza dell’architettura e dei protocolli di comunicazione forniti dai sistemi Wildix consentono a ogni utente di accedere senza difficoltà e in modo naturale a qualsiasi funzione, anche le più avanzata.

Vitrociset, grazie alla pluriennale esperienza e specializzazione dei propri ingegneri nella progettazione e realizzazione di reti complesse, è in grado di disegnare per ciascun Ente l’architettura VoIP e UC&C più idonea alle caratteristiche e necessità di quest’ultimo, a definire il miglior piano di migrazione per accompagnarlo in questo delicato cambio tecnologico dove con l’avvento del VoIP l’interazione con la rete dati IP e la sicurezza informatica diventano elemento chiave del successo dell’operazione nelle fasi di installazione, configurazione e attivazione di tutti i sistemi limitando eventuali disservizi all’utenza, formando il personale coinvolto oltre che sulle nuove tecnologie attive anche sulle nuove modalità di interazione uomo macchina derivante dall’introduzione della UC&C e nell’assisterlo puntualmente per tutta la durata contrattuale.

“Vitrociset leader in Italia sui sistemi di comunicazione”, afferma Paolo Solferino, Amministratore Delegato della Società, “nel corso degli anni si è aggiudicata le Convenzioni/Accordi Consip CT4, CT5, CT6 e CT7 ed ha implementato le principali reti VoIP per la Pubblica Amministrazione, con più di 150.000 utenti installati. L’avvio di questi ultimi contratti riveste un carattere di importanza strategica perché conferma Vitrociset come punto di riferimento per la realizzazione di grandi infrastrutture VoIP, in grado di proiettare in maniera immediata e reale la Pubblica Amministrazione nel mondo delle Unified Communication e Collaboration”.

Vitrociset S.p.A è una azienda italiana che opera nell’alta tecnologia, nella integrazione di sistemi, nell’ICT e nell’erogazione di servizi di supporto logistico integrato. La sua missione è di essere il partner ideale delle grandi organizzazioni pubbliche e private a cui assicura velocità di risposta, efficienza nei servizi e continua innovazione nei sistemi. Vitrociset opera nei settori Difesa & Sicurezza, Spazio & Big Science e Trasporti & Infrastrutture oltre che nella Ricerca & Sviluppo.

Wilidx S.r.l, azienda Italiana fondata nel 2005, opera in Europa e USA nel settore delle telecomunicazioni con specializzazione su PBX Voice Over IP (VoIP), soluzioni di Comunicazione Unificata e IP-PBX centrex Cloud il tutto realizzati in maniera nativa su tecnologia WebRTC. Wilidx grazie alla qualità ed innovazione dei propri prodotti è cresciuta negli ultimi anni con un tasso annuo superiore al 30% e nel 2017 ha raggiunto in Italia un market share del 10%.

Approfondimenti

Stampa la pagina Crea un PDF Invia per Email Condividi con